[Immagine]

UN SAGGIO SULLE DIFFICOLTÀ PRESENTI NELLA RICERCA SULLE SCIENZE UMANISTICHE - MARZO 1969  Un riassunto di Scientology per gli scienziati


[immagine]
“Contrariamente ai biologi, ai chimici e agli altri scienziati, gli psicologi e gli psichiatri non conoscono nulla del metodo scientifico, conoscono poco o nulla della matematica, non condividono nessuna delle discipline di base che tengono uniti gli scienziati. Sono addestrati in materie autoritarie e il loro approccio è interamente autoritario.”

 A
l momento della stesura di questo scritto (1969), per circa 38 anni sono stato impegnato in una ricerca di verità fondamentali nella vita e nel campo umanistico. Si tratta di ricerca di verità fondamentali o di ricerca pura e ha la stessa origine dello sforzo dei primi filosofi ­ tentare di stabilire l’identità della vita come qualcosa di indipendente dalla materia e di associato al mondo e alle forme materiali, soggetti che sono stati abbracciati dalle scienze fondamentali e che si trovano in uno stadio avanzato. La differenza è che la ricerca è stata fatta a partire dal punto di vista della metodologia scientifica in cui sono addestrato.

     L’argomento era, infatti, sufficientemente sconosciuto e sufficientemente privo di nomenclatura per avere un nome ben delineato. Dico che era sconosciuto perché ha notevolmente mancato di tenersi al passo con le scienze naturali o fisiche ed è di fatto minacciato dalle scienze fisiche. Per esempio, scopriamo che le proteste degli scienziati che operano in campo fisico si basano su violazioni nei confronti della vita o sul cattivo uso o abuso della vita a causa di sconsiderate applicazioni fisiche (Scienza e sopravvivenza, di Barry Commoner).

     Per proteggere qualcosa si deve sapere che cos’è, sapere che cos’è dal punto di vista scientifico. Le teorie biologiche sul DNA si applicano a vita più materia, e tutti gli sforzi volti a far sì che la materia produca vita sono finora falliti.

     Questo denominatore comune di tutti gli interessi, di tutti gli sforzi volti a proteggere, di tutti i “benefici scientifici”, non era stato studiato e non aveva nessun nome connesso a un principio fondamentale che conducesse a una identificazione o a un risultato puri e prevedibili. “L’élan vital” Bergson* ed altre supposizioni filosofiche non erano in armonia con quella che, in questo secolo, viene considerata come una metodologia scientifica ordinata e controllata. L’ipotesi e l’autorità sono un fragile sostegno su cui poggiare tutte le predizioni.

     Non avendo un nome vero e proprio che abbracciasse lo studio stesso, era naturalmente impossibile fare dei corsi su di esso. Non si potevano trovare le risposte nei campi conosciuti poiché esso stesso era sconosciuto non solo per quanto riguardava la sua identità, ma anche le sue caratteristiche.

     Studiai qualsiasi tipo di matematica e fisica venissero offerte all’università. Ma poi fui fermato principalmente dalla mancanza di ulteriori soggetti accademici da studiare. Ricordo che la mia mente si cristallizzò sul progetto quando scoprii che i corsi di psicologia e filosofia che venivano insegnati, erano inadeguati al lavoro di ricerca che avevo in mente, poiché in nessuno di essi fui in grado di trovare studenti o professori che avessero studiato matematica moderna oppure fisica o che usassero ciò che mi era stato insegnato a considerare come metodologia scientifica, e che, per quanto fui in grado di scoprire, ammettessero l’esistenza di errori nella logica (e nella matematica) che avevo trovato in queste materie. Nel suo mondo ordinato, lo scienziato che opera in campo fisico stenta a credere alla confusione che esiste nelle scienze umanistiche.

     Così partii per una spedizione e iniziai a studiare la Vita. Le culture primitive parevano essere un punto di partenza.

     Mai un ricercatore moderno era stato messo a confronto con così tanti dati o soggetti contrastanti tra loro e così pochi risultati.

     Ma ovviamente, le scienze fisiche che nel secolo scorso avevano avuto uno sprint, già allora in accelerazione, avrebbero superato quelle che erano conosciute come scienze umanistiche e le avrebbero anche sopraffatte. E così è stato.

     Gravato dalla ricerca condotta durante il periodo prebellico che era caratterizzato dalla completa mancanza di sovvenzioni e di fondi per la ricerca, ne dovetti risolvere interamente l’aspetto economico. Lo feci principalmente con ciò che scrivevo e con i film; ci riuscii molto bene, almeno abbastanza per finanziare le mie altre attività.

     Scrissi un libro alla fine del 1930 dopo aver compiuto un decisivo passo avanti sul soggetto, ma il libro non fu mai pubblicato.

Un saggio sulle difficoltà presenti nella ricerca sulle scienze umanistiche continua...


PrecedenteNavigation BarSuccessivo

| Precedente | Glossario dei termini di Scientology | Indice | Successivo |
| Sondaggio su questo sito di Scientology | Siti di Riferimento | Libreria | Prima Pagina |


info@scientology.net
© 1998-2004 Church of Scientology International. Tutti i diritti riservati.

Informazioni sui marchi d’impresa


Visita il Libreria Indice Visita il Site di L. Ron Hubbard