[Immagine]

     Eppure il governo esistente, in tutti i suoi dipartimenti dirigenziali, sulla Carta delle Libertà ci sputa un migliaio di volte al giorno. E gli ordini dirigenziali sfidano a valanga quella Carta delle Libertà. Questi dipartimenti conducono una guerra attiva contro la religione, la libertà di parola e le ordinarie procedure legali in misura tale che attenersi alla Carta delle Libertà è un’eccezione considerevole alla loro normale condotta.

     I tribunali non accetteranno querele o mandati di comparizione per queste persone “al servizio del popolo": non possono essere citati in giudizio. Non c’è crimine che essi non possano commettere, rimanendo completamente al sicuro a livello personale. Essi controllano le baionette e l’intera forza dello stato e lo usano per servire se stessi e i propri amici.

     Quando si raccolgono documentazioni sulla condotta incostituzionale di queste agenzie si è sopraffatti dalla grande quantità di esempi e si sente che è inutile iniziare persino ad elencarli.

     A livello di stato e di contea gli abusi di potere e le violazioni dei diritti sono così flagranti che, in effetti, poche voci osano levarsi in protesta.

     Le leggi della nazione, dello stato, della contea e delle città prese in revisione a confronto con la Costituzione presentano una scena di voluta sfida. Sequestri illegali di persone e di proprietà, detenzioni senza processo, rientrano nella comune routine di quei funzionari.

     Tuttavia si sorprendono che il popolo non li appoggi attivamente ma tenda a tirarsi indietro impaurito.

     Quando la popolazione è alle prese con funzionari governativi che non rispettano la costituzione, essa non è più al sicuro. Quando l’insicurezza raggiunge un livello abbastanza alto, la popolazione si unisce a qualsiasi forza rivoluzionaria. Quando viene minacciata da ulteriore oppressione, essa si ribella.

     La risposta consueta da parte di uno di questi governi consiste in una distribuzione di sussidi governativi in un tentativo di comprare appoggio. Questo non funziona.

     Cercare di eliminare dalla popolazione tutti i leader o le persone attive mettendosi in combutta con gli psichiatri, non solo non funziona ma accelera la caduta dello stato, poiché comporta, come in effetti succede, violazioni dei diritti persino più flagranti.

     Così, molti imperi e nazioni hanno seguito questa strada: Roma, la Francia, la Russia zarista, la Germania, la Polonia, l’Ungheria, la Cecoslovacchia, ecc., ecc., ecc., e ce ne sono così tanti che con furia annaspano lungo la stessa direzione, tanto che c’è da sorprendersi che gli uomini al governo non abbiano individuato il loro problema.

     LA GRANDE MAGGIORANZA DEI FUNZIONARI GOVERNATIVI SONO DELLE PERSONE ONESTE E RISPETTABILI MA VENGONO COSTRETTI, SPESSO CONTRO LA LORO STESSA VOLONTÀ, AD AGIRE IN MODO CONTRARIO ALLA COSTITUZIONE DA QUALCUNO DEI LORO LEADER O COLLEGHI FUNZIONARI, I QUALI SE NE INFISCHIANO DELLE REGOLE SULLA DECENZA IN NOME DELLO STATO.

     Forse il sapore della tirannia è talmente delizioso ed il sadismo del despota è una tale assuefazione che persino se sapessero che la loro vita dipende interamente dal fatto che rimangano vincolati e che agiscano secondo la loro costituzione e la loro Carta delle Libertà, non vi potrebbero comunque rinunciare.

     Può darsi che il tossicomane sappia che il suo vizio lo ucciderà. Nonostante ciò non riesce a porvi fine. È possibile che questo sia il caso di una burocrazia incostituzionale. Gli uomini diventano piuttosto pazzi quando hanno il potere. E i pazzi commettono facilmente il suicidio. Infatti non fanno mai nient’altro.

     Ci si chiede piuttosto tristemente perché quei tipi insistano nel commettere suicidio in un modo così costoso.

     Ma la democrazia, le repubbliche e persino le monarchie continueranno a decadere e morire ­ e uccidere il resto di noi ­ fino a che funzionari governativi non verranno forzati a comportarsi, in tutte le loro azioni, entro l’ordinamento della Costituzione e di tutte le garanzie dei diritti individuali.

     Non si può perpetuare la mostruosa falsità di una Costituzione e di una Carta delle Libertà che garantisce sicurezza e libertà, quando la classe più potente del paese è al di sopra della legge e non è assolutamente vincolata ad essa.

L. Ron Hubbard

     L. Ron Hubbard



PrecedenteNavigation BarSuccessivo

| Precedente | Glossario dei termini di Scientology | Indice | Successivo |
| Sondaggio su questo sito di Scientology | Siti di Riferimento | Libreria | Prima Pagina |


info@scientology.net
© 1998-2004 Church of Scientology International. Tutti i diritti riservati.

Informazioni sui marchi d’impresa


Visita il Libreria Indice Visita il Site di L. Ron Hubbard